Con l’obiettivo di incentivare la crescita delle PMI campane, la Regione Campania ha attivato operazioni di finanziamento tramite emissioni di Minibond, assistite da Garanzia Pubblica.

Il Progetto Garanzia Campania Bond, gestito da Sviluppo Campania, si propone di facilitare l’accesso delle PMI campane al mercato di capitali attraverso strumenti di finanza alternativa che hanno come scopo il sostegno di progetti imprenditoriali di espansione, rafforzamento e innovazione.

Consente di contare su di un tasso fisso per un periodo di massimo 8 anni e di realizzare con le risorse raccolte investimenti in attivi materiali, immateriali o capitale circolante.

Sono previste garanzie prestate da Mediocredito Centrale, che nella fase iniziale prevede risorse per 37 mni di euro. Il fondo verrà gestito, nella qualità di arranger, da un’ATI (associazione temporanea tra imprese) tra Mediocredito Centrale e Finint.

Possono candidarsi ad emettere minibond (i) che sono PMI; (ii) che hanno la Sede Operativa nella Regione Campania; (iii) che hanno un Rating valido rilasciato da una Agenzia ECAI, almeno pari a BB- sulla scala Standard & Poor’s (od equivalente).

È, altresì, possibile partecipare per le PMI campane comunque potenzialmente idonee a soddisfare le aspettative degli Investitori, non ancora in possesso di un valido Rating BB-, allorché dimostrino al momento della manifestazione di interesse i seguenti requisiti:

  • bilanci approvati e depositati in forma non abbreviata per gli ultimi tre esercizi
  • non aver realizzato perdite d’esercizio in più di uno degli ultimi 3 (tre) esercizi e, sulla base dell’ultimo Bilancio approvato:
    • Ricavi di Vendita: minimo Euro 10 milioni
    • PFN/EBITDA: < [5,0]x
    • PFN/PN: < [3]x
    • EBITDA/Ricavi di Vendita: > [4]%

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *