Cos’è – Invitalia con il Contratto di Sviluppo mette a disposizione agevolazioni finanziarie per la realizzazione di investimenti di grandi dimensioni, fatti da una o più aziende, nei seguenti settori:

  • industria
  • turismo
  • trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli
  • tutela ambientale

Come è strutturato – il Contratto di sviluppo è composto da uno o più progetti di investimento e da eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, connessi e funzionali tra loro.

Può prevedere anche la realizzazione di infrastrutture di pubblico interesse.

Gli obiettivi – il Contratto di sviluppo ha l’obiettivo di favorire:

  • la riqualificazione settoriale,
  • lo sviluppo di filiere e poli di specializzazione,
  • il riposizionamento competitivo dei tradizionali settori produttivi,
  • l’attrazione degli investimenti esteri,
  • la creazione di reti di imprese,
  • la promozione di investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

L’investimento complessivo minimo richiesto:

  • per industria, servizi e turismo: 20 milioni di euro
  • per attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli (progetti agroindustria): 7,5 milioni di euro.

L’investimento minimo richiesto per singola azienda – Per i programmi per Industria, Servizi e Turismo, deve rispettare i seguenti limiti:

  • per l’azienda capofila: un valore non inferiore ai 10 mni di euro (5 mni di euro per i progetti in ambito turistico; 3 mni di euro per i progetti in ambito agroindustria)
  • per le altre aziende partecipanti: un valore non inferiore ad 1,5 mni di euro.

Le agevolazioni:

Il Contratto di Sviluppo prevede le seguenti agevolazioni finanziarie:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa
  • finanziamento agevolato
  • contributo in conto interessi.

Per una Piccola Impresa è possibile prevedere un mix composto da contributi in conto capitale e finanziamenti agevolati a copertura del 75% dei costi di investimento.

L’entità degli incentivi dipende dalla tipologia di progetto (di investimento o di ricerca, di sviluppo e innovazione), dalla localizzazione dell’iniziativa e dalla dimensione di impresa. Gli incentivi sono diversi per i progetti a finalità ambientale.

Per le aree del Mezzogiorno i contributi in conto capitale ed in conto interessi possono raggiungere i seguenti massimali:
• 45% per le Piccole Imprese;
• 35% per le Medie Imprese;
• 25% per le Grandi Imprese.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *